Kaylee Jacobs

Ragazza, occhi che non sbattono, abiti goth

Description:

Kay2.jpg
Kaylee Jacobs è una ragazzina di appena diciannove anni. Ha i capelli bianchi (tinti), di media lunghezza e dei tratti piuttosto dolci e piacevoli. La cosa inquietante nel suo viso sono gli occhi: non sbatte mai le palpebre ed ha le pupille tanto dilatate che l’iride non è visibile.
E’ minuta e piuttosto piccola, veste prevalentemente di nero, in stile goth, anche se senza troppi fronzoli. E’ debole e non molto brava con le armi.

Bio:

Kay3.jpg
Kaylee è figlia unica di Manuel e Simone Jacobs. E’ cresciuta in una famiglia normale e serena, abbastanza agiata e senza alcun problema. Appena ebbe raggiunto l’età della ragione si accorse di riuscire a vedere alcune cose che gli altri non potevano vedere… E tra tutte le cose che vedeva solo lei spiccava “l’uomo con la vestaglia rossa”. Quasi sempre lo poteva vedere con la coda dell’occhio e, se non lo vedeva, si rendeva conto della sua presenza. Diventò una presenza famigliare ed allo stesso tempo inquietante della sua vita. I genitori cercarono di aiutarla a scacciare quelle visioni portandola da psicologhi e psichiatri vari, ma nessuno riuscì a farlo sparire. Non le rivolse nemmeno mai la parola, nonostante i suoi tentativi di comunicare con lui.
Quando aveva quindicii anni i suoi genitori morirono di morte violenta. Non sa bene come sia successo, visto che erano solo loro tre in casa in quel momento e lei non ha sentito nulla.
Fu Edward, l’uomo che la seguiva, a spiegarle come e dove nascondere i cadaveri, come ripulire la casa e cancellare ogni prova di ciò che era accaduto.
Solo quando era tutto finito lei si rese conto che era la prima volta che lui le rivolgeva la parola. Il giorno dopo sua madre andò a svegliarla. Quando scese le scale suo padre era seduto al tavolo con un giornale in mano. Edward la guardava con un sorriso tranquillo e leggermente beffardo. La sua vita andò avanti tranquillamente. I suoi genitori erano sempre presenti, Edward le parlava e rimaneva sempre al suo fianco. Kaylee continuò ad essere allegra e spensierata in mezzo a compagni di classe ed amici, ma in casa approfondiva sempre di più il legame con Edward: fu lui il suo primo ed unico uomo e lui si curò di far finire male fin da subito qualsiasi relazione sentimentale lei potesse avere con ragazzi della sua età.
Quando l’assenza dei genitori di Kaylee si fece sentire e la gente iniziò a chiedersi dove erano finiti Edward convinse la ragazza ad andarsene via dal paesino dove abitavano,erano passati 3 anni dalla morte dei suoi genitori, anni in cui nessuno pareva essersi accorto di nulla. Andarono in giro da soli finché… (vediamo con i bond :D)

Il lato oscuro: Lussuria – Dipendenza – Violenza
ed.jpg
“…Edward. Non so bene cosa sia, ma lui mi è sempre stato accanto. Ha capelli neri e tratti leggermente affilati. Indossa una veste da camera rosso cupo. È astuto, spesso crudele e malizioso… Mi tratta sempre come se fossi una bambina a cui deve spiegare le cose e, a volte, mi istiga a fare cose orribili. Però non riuscirei a stare senza di lui… Credo di amarlo.”

Kaylee Jacobs

GothW Valentina Annaki